logo

Visualizza articoli per tag: varici

L'esame obiettivo resta l'esame di base più utile e quasi sempre sufficiente nella diagnosi delle varici degli arti inferiori.
Quando è presente qualche dubbio, quando parliamo di varici recidive, o prima di un intervento chirurgico, allora è meglio eseguire un ecocolordoppler venoso degli arti inferiori che ci permette di valutare istantaneamente la reale situazione delle vene degli arti inferiori, diagnosticando reflussi particolari, ostruzioni del lume venoso (le cosiddette varicoflebiti o flebotrombosi) o nell'ottica di valutare ove il chirurgo dovrà intervenire, un particolare mappaggio delle vene preoperatorio!

Sì, le donne tendono a sviluppare più patologie venose (varici e capillari) rispetto agli uomini, sia per questioni ormonali ma anche per le gravidanze.

L'età è un fattore di rischio?

Mercoledì, 09 Novembre 2011 10:14

Sino al 55% degli uomini è affetto da patologie venose dopo i 50 anni.
Sino al 75% delle donne dopo i 50 anni è affetto da patologie flebologiche, soprattutto se pensiamo a varici, capillari, edemi ed altro!
Si, l'età è un fattore di rischio.

Le prime sono varici che non sono causate da altre patologie: ad esempio se vi è l'ostruzione di un circolo venoso, è normale che altri circoli che vicariato il ritorno di sangue al cuore possano dilatarsi.
Così, quando si forma un trombo nel circolo profondo, è normale che la circolazione superficiale che permette al sangue di scavalcare l'ostruzione, di bypassare l'ostruzione si dilati. Queste sarebbero varici secondarie, secondarie appunto all'ostruzione del circolo profondo.
Le normali varici cosiddette essenziali o primitive che invece spesso vediamo sulle nostre spiagge, nella stragrande maggioranza dei casi sono dovute ad una predisposizione, ad una familiarità e ad altri motivi indipendenti comunque da una patologia.

Cosa sono le varici?

Martedì, 06 Settembre 2011 15:16

Le varici sono vene dilatate, serpiginose, dove il sangue ristagna. Per questo motivo sono gonfie e a volte dolenti, per la maggiore pressione che hanno all'interno.
Se vogliamo fare un poco di storia, la loro definizione si deve ai padri della flebologia moderna: il Dr. Arnoldi nel 1957 diceva" Vena sottocutanea chiaramente visibile, dilatata, tortuosa e prominente" e i Dr Dodd e Cockett che nel1956 dicevano: "Vena dilatata secondaria a perdita di continenza valvolare".

Cosa sono le vene varicose?

Martedì, 04 Maggio 2010 16:05

Le vene varicose sono delle dilatazioni delle vene delle gambe.

Nelle vene normali il sangue scorre dal basso verso l’alto. Nelle varici il sangue scorre in senso contrario, cioè verso i piedi. Le varici si formano per una debolezza della vena, che in genere è famigliare (spesso nel sesso femminile).